Emilio Dalmonte

Chi dice che sono matto alzi la mano.

Panzio Pelato

Panzio Pelato

Età: q.b.
Soprannome di famiglia: Sarnér = Maestrale, il vento che rasserena il cielo.
Funzionario europeo da quando l’Europa era un sogno condiviso.
Homo romandiolus impaenitens, appassionato di cappelletti e passatelli.
Parlo cinque lingue, ma mi esprimo ancora in dialetto stretto.
Nostalgico del punk rock e grande amante d’opera.
Sommelier. Produttore di olio di oliva biologico (poco ma buono).
Un grande futuro artistico alle spalle (due libri, un 45 giri).
Su richiesta, imitazione del penultimo Papa (quella del Papa attuale è in preparazione)
Tifoso della Ducati.
Nel 2010 promisi che se l’Inter avesse vinto la Champions League avrei fatto in bici il cammino di Santiago di Compostella. Non ho rispettato la promessa e l’Inter ha comperato Forlan (e Gargano).
Esperienze ciclistiche:
5 volte Bruxelles – Romagna (l’ultima con la benda sugli occhi)
1 volta California-Florida  (Coast-to-coast)